1/9

Moretti More, Italia, 2016, FINALISTA 

 

Programma: Residenziale

Categoria: Concorso Internazionale

Gruppo di Lavoro: LERUA

Render: Philiph Grosch

 Superficie:120 mq

Il concorso “Costruire il nuovo millennio” offre la possibilità di ragionare su un tema, che da sempre ha avuto un ruolo fondamentale nella storia dell’architettura. Attualmente ci troviamo in un periodo storico in cui si ha la necessità di riflettere sullo spazio dell’abitare in relazione alle esigenze della società contemporanea.
La proposta indaga il ruolo dell’architettura in relazione ai diversi contesti. La sfida del concorso è stata quella di progettare una casa “per ogni contesto”.
Il sistema di prefabbricazione determina da un lato, l’abbattimento dei costi e delle tempistiche, ma in alcuni casi una eccessiva standardizzazione del prodotto, per questa ragione l’obiettivo principale del nuovo edificio è quello di instaurare un solido legame con il territorio diventando cosi un elemento imprescindibile dello stesso.
Allo scopo di ottenere questo risultato si è deciso di utilizzare del legno come materiale unico. Attraverso questa volontà, si ha la capacità di ragionare sulle caratteristiche di una componente fondante per la figura dell’architetto, inoltre la reperibilità, la resistenza e un forte carattere metaforico legato al rapporto essere umano e natura, ne determinano una condizione di adeguatezza al luogo. Vista la molteplicità di essenze e la possibilità di trasformarsi nel tempo, non si ha la necessità di utilizzare componenti artificiali che ne alterino il carattere. Questa condizione converte il progetto di architettura in progetto di paesaggio, dove la quarta dimensione, quella temporale definisce un radicamento al contesto con cui il progetto si troverà a dialogare.